13 novembre 2013

Se Newton fosse nato in Campania. Torta Cranberry

Torta Cranberry @monsieurtatin.blogspot.it

Se Isaac Newton fosse nato in Campania...
...si sarebbe chiamato Gennarino Nuotolo.
...non avrebbe mai scoperto la Legge di Gravitazione Universale, ma avrebbe studiato le forze di trazione del vermicello di Gragnano
...non avrebbe visto cadere la mela, distratto dalle bellezze della Golfo di Napoli e dalla veracità della sua gente

Se Isaac Newton fosse nato in Campania, forse avrebbe ugualmente scoperto l'importanza della forza di gravità e avrebbe visto cadere una mela.
Ma certo non una mela qualunque, una di quelle volgari varietà importate dagli Stati Uniti, dalla buccia uniforme, lucida e rosso scarlatto.
Avrebbe visto una mela antica, intimamente meridionale e mediterranea, umile e rugginosa.
Quella mela sarebbe stata una Melannurca.

Torta Cranberry

Ricetta di Mario Grazia

Dosi per uno stampo da 24cm di diametro
400g di pasta frolla
500g di mele (per me Melannurche)
100g di mirtilli rossi americani essiccati + qualcuno per la decorazione
100g di confettura di frutti rossi
1/2 limone (succo e scorza)
Per la pasta frolla
250g di farina 00
150g di burro
100g di zucchero a velo
40g di tuorlo (di solito 2)
la scorza di 1/2 limone
Procedimento
Preparate anzitutto la frolla, sabbiando dapprima la farina con il burro freddo a pezzi, aggiungendo poi lo zucchero a velo con la scorza grattugiata ed infine i tuorli. Fatene un panetto, impellicolate e mettete a riposare in frigorifero per qualche ora o meglio una notte. 
Quando sarà passato il momento di riposo, stendete la pasta ad uno spessore di 3mm, foderatevi uno stampo imburrato, bucherellate il fondo. Con le eccedenze stendete una sfoglia di 5mm di spessore e mettete il tutto a riposare in frigorifero.
Nel frattempo sciacquate i mirtilli rossi e metteteli ad ammollare in acqua fredda. Sbucciate le mele e grattugiatele con una grattugia a fori grandi, unitevi il succo e la scorza di limone, la confettura e i mirtilli ammorbiditi.
Inserite questo composto di frutta all'interno del rivestimento di frolla, arrivando a pochi millimetri dal bordo. Infornate ora la torta e la sfoglia che avevate tirato con la pasta in eccedenza in forno caldo a 180°C e cuocete la prima per 30 minuti, la secondo per 15 minuti.
Una volta che la torta sarà cotta, fatela raffreddare e toglietela dallo stampo. Rompete in grosse briciole la sfoglia e distribuitele sulla superficie della torta. Spolverate abbondantemente con lo zucchero a velo e decorate con qualche mirtillo secco tenuto da parte.
 
Torta Cranberry @monsieurtatin.blogspot.it
Torta Cranberry
Il Sig. Tatin consiglia
Non ripeterò i soliti consigli sulla frolla, ricordatevi solo di impastare velocemente, di usare una farina debole (cioè con poche proteine), di usare ingredienti freddi, di osservare i tempi di riposo.
Come sempre ricordatevi di imburrare bene la teglia, non tanto per facilitare la sformatura della torta, quanto perché il grasso aiuta a condurre il calore e a cuocere meglio il fondo di frolla (specie in questo caso in cui la torta ha un impasto molto umido).
Per questa ricetta io ho scelto di usare una varietà di mele endemica del sud Italia: la Melannurca. Trovo che il suo sapore acidulo ed aromatico si sposi perfettamente con il gusto dei frutti rossi. Inoltre ha una polpa compatta e non eccessivamente acquosa che è perfetta per i ripieni.
Se non la trovate potete sostituirla con una nordica Renetta o al massimo una Golden non troppo matura. Evitate assolutamente Fuji e Granny Smith perché rilascerebbero troppa acqua durante la cottura.
Per riuscire a sformare bene la torta in modo che non si rompa, è indispensabile che sia molto fredda. Potete conservala per qualche ora in congelatore in modo da favorire questa operazione o comunque non tentale di farla uscire dalla teglia quando è ancora tiepida.
Per far spiccare il rosso del cranberry, ricordatevi di aggiungerli solo dopo aver spolverato di zucchero a velo
Altre varianti per questa ricetta  che mi vengono in mente potrebbero essere:
- omettere la marmellata, aggiungere 60g di zucchero ed utilizzare 150g di mirtilli neri al posto di quelli rossi 
- usare confettura di albicocche e uvetta di Corinto
- usare marmellata di arance amare e scorzette di agrumi canditi
Infine una curiosità, il mirtillo nero nostrano non centra nulla con i mirtilli rossi americani, che invece sono botanicamente strettamente imparentati con l'erica.
 
Torta Cranberry @monsieurtatin.blogspot.itTorta Cranberry @monsieurtatin.blogspot.it



49 commenti:

  1. Mele, che coincidenza ! Anch'io trovo che le annurca siano un'ottima mela da torta. Hai mai provato i mirtilli rossi altoatesini ? Non sapevo che il grasso aiutasse a condurre meglio il calore e che i mirtilli americani fossero imparentati con l'erica. Un abbraccio, Leo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa della teglia l'ho imparato da Montersino. E devo dire che funziona.
      Cercherò di certo i nostrani mirtilli altoatesini

      Elimina
  2. La tua introduzione è magnifica. Il Sig. Gennarino Nuotolo sarebbe stato un vero genio perché avrebbe unito la capacità tutta campana di godersi la vita, al pragmatismo della scienza. Lo sai che meraviglia di uomo?
    Unico come questa crostata, assolutamente splendida, una serenata alla mela di questa terra stupefacente.
    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty!
      In effetti è proprio perché siamo italiani che la nostra storia è piena di menti meravigliose. Un abbraccio

      Elimina
  3. oh sì sicuramente opto per la nordica renetta, la mia preferita (poi ho l'albero :-))) deliziosa la ricetta e delizioso il racconto/prefazione. bravo!

    RispondiElimina
  4. p.s.poi tra l'altro appropriano parecchi benefici sulla salute al cranberry...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Merito del suo colore rosso :)

      Elimina
  5. Qui sopra dici "se ti piacciono le mie ricette.." a me piacciono tutte e soprattutto mi piacciono moltissimo i tuoi suggerimenti e le dritte che ci regali in ogni preparazione. Sei molto molto bravo Leo e qui non si finisce mai di imparare. A presto

    RispondiElimina
  6. Molto carina la storia di Gennarino, ma ancora più bella la torta Cranberry (conosci la mia passione per i frutti rossi :) )
    Buona serata Leo

    RispondiElimina
  7. Non posso che essere felice per questa dedicate meravigliosa ad un prodotto della mia terra che purtroppo sta scomparendo. La mela preferita di mio padre. Uno dei simboli di casa mia. Come il ragu' o la pastiera napoletana. Da noi si dice mela annurca tutto staccato. Bacio Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti si può scrivere in entrambi i modi.
      Appena ho visto questa ricetta ho pensato che questa sarebbe stata la mela giusta.
      Settimana prossima sarò a Sorrento per lavoro. Ti penserò. Abbracci

      Elimina
    2. Inutile sara' dirti di fare una bella scorta di limoni non trattati. Che bella Sorrento! Lavora e divertiti. Buona giornata:-)

      Elimina
    3. Spediró una valigia proprio per quelli.
      Adesso volo a Madrid e da qui spediró il serrano. I miei viaggi sono sempre un po' culinari. Ciao!

      Elimina
  8. Ricetta fantastica e introduzione geniale!
    Mi permetto solo un piccolo suggerimento, sulle parole "soliti consigli sulla frolla" secondo me ci starebbe benissimo un link al post sulla frolla... per i tuoi lettori smemorati (io :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe
      Trovi i consigli nella ricetta della crostata rustica di pesche

      Elimina
  9. Quando ti vengo a trovare mi intimidisco sempre di fronte a tanta bravura e originalità. Ma dove le stani queste belle idee? Complimenti! lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia!
      In realtà la ricetta non è mia eh. Viene tutta da uno chef che si chiama Mario Grazia.
      Ciao Leo

      Elimina
    2. E se Isaac Newton si fosse trovato nei pressi della tua cucina? Credo che ci avrebbe piantato le tende, Leonardo! :)
      Magnifica versione! Sei impeccabile, come sempre!
      Un abbraccio
      MG

      Elimina
    3. Grazie Maria Grazia!
      Bhè io l'avrei accolto. Certo però spero non avrebbe fatto cadere le stoviglie dal terrazzo per provare le sue teorie :)

      Elimina
  10. una signora versione della torta di mele, mi piace abbinamento mela annurca campana e cranberry americano ci sono anche affinità nel sapore secondo me
    dove si nasce conta molto secondo me più di quanto si possa pensare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! sia sulla nascita che sulle affinità di gusto. Secondo me l'annurca ha un ottimo retrogusto di sottobosco!

      Elimina
  11. bellissima!!!!!!!!!! tra l'altro ho una valanga di mirtilli essiccati da consumare..mi hai letto nel pensiero???????^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saranno affinità elettive? O di papille gustative?
      Ho già visto su IG che l'hai sfornata :) Abbracci

      Elimina
  12. Che meraviglia Leonardo, mi piacciono da impazzire tutte le torte di mele e mi piacciono anche i mirtilli rossi, quindi questa torta è proprio per me!
    La voglio leggermente tiepida accompagnata da un cucchiaio di gelato alla vaniglia.
    Grazie! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sta benissimo così. O anche solo con un po' di panna zuccherata, perché il ripieno è giustamente aromatico ma anche acidulo.
      Ciao Leo

      Elimina
  13. Fantastico l'accostamento tra l'annurca e i cramberrys, la torta è deliziosa con quelle briciole così invitanti, complimenti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Lo chef che l'ha ideata ha avuto un'ottima idea con quelle briciole!
      Ciao Leo

      Elimina
  14. Ne prendo una fettina per la colazione di domani! Hai scelto le mele più buone che ci siano dopo quelle rosa dei Monti Sibillini!!!
    Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non le conosco quelle! Devo assolutamente recuperare.
      Parto col la ricerca...:)
      Ciao Leo

      Elimina
  15. ciao!!=)
    sei bravissima e hai un super blog!!=)complimenti!!
    mi sono unita ai tuoi lettori fissi!!=))
    se ti va di ricambiare mi farebbe davvero piacere!=)
    a presto buona giornata vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, appena riesco passo a sbirciare.
      Solo una cosa: qui scrive un maschietto :)
      Ciao Leo

      Elimina
  16. Una interessantissima introduzione. La crostata è arte, tu vai oltre l'arte. Sei un grande Leo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh addirittura oltre l'arte? Bhè oltre l'arte c'è il restauro eheheheh
      Ciao Leo

      Elimina
  17. al momento di Isaac m'importa ben poco davanti a cotanta beltà, a cotanto tripudio di colori, a cotanta magnificenza.....posso averne un bel pezzo, please!!!!!

    RispondiElimina
  18. Bellissimo blog, bellissime ricette illustrate benissimo!
    Ti seguo!!
    Letizia
    http://ilrisottoperfetto.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Letizia! Passerò a sbirciare da te. Leo

      Elimina
  19. Che meraviglia! Una crostata con la mela annurca. Conosco bene queste mele, perchè sono una napoletana doc! Ho visto le filiere di mele annurche e sono uno spettacolo! La tua torta Cranberry è davvero per intenditori. E tu lo sei caro Leo! Non avevo dubbi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essere emozionante vedere con quanta cura le rivoltano per farle maturare al punto giusto. Non ce n'è: noi italiani siamo troppo bravi con il cibo e le materie prime

      Elimina
  20. Che bella introduzione, Leo!!!
    E la ricetta? Uno spettacolo!
    Cercavo giusto giusto la scusa per usare le renette della Val di Non (non proprio campane...).
    Ti mando il consueto bacione.

    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci stanno benissimo le renette qui dentro! Perché sono acidule e sono perfette coi mirtilli rossi.

      Elimina
  21. Wow, che torta meravigliosa. Io ho un debole per i cranberries e visto che ho studiato a Cambridge, dove Newton insegnava e ho lavorato in una biblioteca di Londra che era stata la dimora sempre di Newton, questa torta la devo assolutamente fare!! ^_^
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora è quella giusta per te, Debora!

      Elimina
  22. mmmm...è deliziosa la tua torta!! complimenti!! Mi sono unita ai tuoi lettori fissi!! buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angelica! Passo anche io ad unirmi al tuo bel blog di ricette russe!
      Buona giornata a te!

      Elimina
  23. Jamme jamme jamme jamme ja
    Jamme jamme jamme jamme ja
    funiculi funicola

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe