19 novembre 2013

Riletture al vapore. Coppette di crema al cioccolato


L'altro giorno mi sono messo a riguardare un po' gli ultimi post che sono finiti su questo blog.
Credo che rileggersi a mente fredda ogni tanto sia utile per capire in che direzione si sta andando e come riaggiustare la rotta.
Ho immediatamente notato che ultimamente, su queste pagine e nella mia cucina,  il forno ha preso il sopravvento: mi manca un po' la cremosa voluttà di un bel dolce al cucchiaio.
Ma ad essere realmente critici è emerso anche un altro bel problemuccio.
Per prima cosa bisogna porre  immediato rimedio all'elevato numero di errori di stompa  stampa.
Insomma dalle elementari ad oggi nulla è cambiato: ancora sento le grida di mamma e i rimproveri della maestra :
DEVI RILEGGERE PRIMA DI CONSEGNARE COMPITO!

Ma è più forte di me, nonostante la rilettura me ne sfugge sempre qualcuno.
Su una superficie coperta dal vapore, me li lascio dietro come goccioline che si condensano ed emergono solo dopo svariate riletture.
E a proposito di vapore, ecco un budino che va coccolato proprio come fareste con voi stessi in un tiepido Hammam, quando vi concederete il meritato relax come premio per avere preso 10 nel compito di ortografia.

Coppette di crema al cioccolato

Ricetta del École du Grand Chocolat Valrhona
Dosi per 4 persone*
120g di ciccolato fondente 70% m.c.
100g di latte intero fresco
55g di uovo (di solito 1 medio)
20g di tuorlo (di solito 1 da un uovo medio)
*la ricetta originale indica queste dosi per 8 persone, ma io ho ottenuto 4 coppette nemmeno tanto piene
Procedimento
Spezzettate il cioccolato fondente e sciogliete a bagnomaria o a microonde a bassa potenza.
Scaldate il latte fin quasi alla bollitura e versatelo in tre volte sul cioccolato fuso.
Ad ogni aggiunta di latte mescolate vigorosamente formando dei cerchi concentrici nel centro del contenitore, in modo da formare il nucleo elastico.
Quando la ganache sarà liscia ed omogenea, aggiungete l'uovo e il tuorlo. Mescolate bene e trasferite il tutto in 8 contenitori resistenti al calore.
Coprite ogni contenitore con della pellicola alimentare e sistemate le coppette in un cestello per la cottura a vapore. Posizionatelo sopra dell'acqua già bollente e cuocete per circa 10-12 minuti.
Trasferite subito in acqua e ghiaccio per fermare la cottura e fate raffreddare in frigorifero prima di servire.

Coppette di crema al cioccolato @monsieurtatin.blogspot.it
Coppette di crema al cioccolato


Il Sig. Tatin consiglia:
Pochi suggerimenti per un dolce così facile.
Come sempre, più i dolci sono semplici più è necessario assicurare un ottima qualità degli ingredienti. Se non trovate il cioccolato al 70%, potete sostituirlo con 140g di cioccolato al 60% o con 160g di cioccolato fondente extra (che di solito contiene il 50% di m.c. - massa di cacao).
Il movimento circolare e l'incorporo dei liquidi poco per volta è indispensabile per facilitare l'emulsione dei grassi e fare in modo che la lecitina del cioccolato cominci ad agire e a far tenere insieme il burro di cacao con le molecole d'acqua del latte.
La cottura delicata a vapore ed il raffreddamento rapido eviteranno di fare raggiungere una temperatura troppo elevata alla crema. Tutto questo serve per evitare che il sapore di uovo prenda il sopravvento e che la crema sappia di frittata al cioccolato.
La ricetta originale prevede la decorazione con cubetti di gelatina al caffè. Io non l'amo molto, perciò ho servito con una cialdina di pasta sigaretta e un po' di granella di mandorla.
Coppette di crema al cioccolato @monsieurtatin.blogspot.itCoppette di crema al cioccolato @monsieurtatin.blogspot.it
 
Con questa ricetta partecipo al contest Comfort Food di La cucina delle streghe


Dedico questo dolce alla mia amica Mariella, perché il cioccolato fa tanto bene al morale :)

59 commenti:

  1. Ottime, mai visto una ricetta dolce al vapore, gnammy, proprio in questo periodo che dopo anni mi si è svegliata la voglia di cioccolata! ma senti, visto che la stagione è quella fresca...cosa ne dici di mangiarle tiepide invece che fredde?
    concordo sulla tua opinione riguardo alle gelatine
    saluti Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Su. A dire il vero è la prima volta che la faccio e non saprei dirti com'è tiepida. Secondo me potrebbe andare, ma forse la consistenza rimane un po' più liquida (da fredda è veramente supercremosa).
      Però sarebbe interessante il contrasto tiepido-freddo con la panna montata. Se la provi fammi sapere!
      Ciao Leo

      Elimina
  2. Che spettacolo Leo, questa coppetta la vorrei proprio in questo momento... anche l'Hammam! :-*
    Il tuo blog è stupendo e non importa se ci sono errori di stampa, non ci facciamo neanche caso!
    Buon pomeriggio, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh l'hammam pure io!!! L'umidità la sopporto solo se bollente e rilassante :)
      Per fortuna gli errori li saltate a piè pari :)
      Buon pomeriggio a te! Leo

      Elimina
  3. Anche devo rileggere più volte i post perchè sono distrattissima!! Buone queste coppette, golose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuliana! Allora è un "problema" comune :)

      Elimina
  4. Invece io butto giù di getto, poi rileggo per aggiustare la forma, non tanto gli errori...
    ecco, una coppetta di queste mi farebbe dimenticare di rileggere qualsiasi cosa....
    un abbraccio. Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh ti capisco! anche io scrivo di impulso e velocemente per cui errori di sintassi e ortografici sono il mio pane quotidiano. Vorrei lo fosse anche un dolcino meraviglioso come questo, inoltre le sigarette di cailda mi ricordano molto la mia infanzia, decisamente melgio rispetto alle gelatine...

      Elimina
    2. in effetti è quel croccantino giusto che ci sta così bene!

      Elimina
  5. Marito..non è che posso fare tutte le ricette che pubblichi,se nó uniamo direttamente i blog e buonanotte :) Bellissime...da infarto !bravooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora che faccio? Le inserisco nel menù di nozze?
      Un baciotto!

      Elimina
  6. Che buoni...ma la pellicola non si cuoce nel cestello a vapore?
    Perfetti per una coccola golosa a merenda o come dopo cena!
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta osservazione Silvia. Bisogna usare una pellicola adatta alla cottura. Quella che si usa per il microonde va benone!
      Ciao Leo

      Elimina
  7. I dolci da mangiare con il cucchiaio hanno il loro fascino. Come te, preferisco la cialdina + granella al posto della gelatina!
    Qualche erroruccio è concesso, se il contenuto è eccellente! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W le cialde e abbasso gli errori allora :)

      Elimina
  8. Cosa posso dire. Mi sento onorata, per questa dedica "dolcissima". Le faccio eh. Con tanto di foto sul mio blog.
    Abbraccio circolare, Leo.

    PS: i miei strafalcioni sono storici e fanno parte di me.
    Hai presente come si scrive "perché"?
    ghghgh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh se le rifarai allora spero ti piacciono veramente tanto.
      Quanto al perché, lasciamo che quel vermetto sulla e vada dove vuole :)

      Elimina
  9. Bella la cottura al vapore!! Caspita non ci avrei mai pensato per un dolce così. Per il resto "lettura post prima della pubblicazione" meglio non dica niente... le mie frasi spesso sono sensa senso:) oppure il senso sono in grado di capirlo solo io:D, vabbé... un abbraccio grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un buon modo per cuocere le creme secondo me. Un abbraccio a te. Leo

      Elimina
  10. Ma allora un pochino ti ho ispirato...? Ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cioccolato c'è e la crema pure. Certo anche qui il cannello non l'ho utilizzato ma direi che siamo sulla buona strada! Buona giornata.
      Leonardo

      Elimina
  11. I copia e incolla, la fretta, qualche volta la stanchezza .... anche da me, nonostante le riletture, gli errori piovono :-)
    Ottima l'idea della cottura al vapore, devo provarla :-)
    Le coppette sono una meraviglia e presentate splendidamente, complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! La cottura a vapore è semplice e veloce per quantità così piccole. Certo, bisogna trovare la terrina giusta resistente al calore.
      Buona giornata! Leo

      Elimina
  12. Ti leggo e mi arricchisco Leo. Sei grande perfino sui puntini delle "i". Ti stimo profondamente, e non lo dico in preda ad un raptus di follia. Le tue "lezioni" sono oro e i tuoi modo delicati ed eleganti. Sei una forza della natura e in queste tue righe, in queste pagine, seppur con qualche errore di stampa ci sto divinamente!!!!! G R A Z I E!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica mi fai proprio arrossire con tutti questi complimenti!!!
      Però sono molto contento di sapere che i miei piccoli consigli ti siano utili. Ho aperto un blog proprio per questo: per condividere quel che so e scambiarsi opinioni, trucchi e ricette.
      Un abbraccio Leo

      Elimina
  13. Intrigante questa cottura al vapore, non l'ho mai provata per un dolce, ma devo correre ai ripari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho scoperta per questa ricetta, ma credo che per le creme al cucchiaio sia l'ideale!

      Elimina
  14. errori o meno le tue ricette mi conquistano ogni volta, sai a volte per la fretta di condividere le proprie passioni qualche erroruccio si perdona pure se poi c'è da leccarsi il monitor e non solo davanti a questo dolcetto cioccolatoso.....io perdono!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe grazie mille se perdoni i miei errorucci!
      Ciao cara e a presto!

      Elimina
  15. Ciao Leo!
    Veramente belle queste coppette di crema e interessante il metodo di cottura nonché i "consigli scientifici" :) Mi incuriosisce sempre molto la chimica che c'è dietro la cucina (sono una fan di Bressanini :D )
    Grazie per aver partecipato al nostro contest con la tua ricetta!
    A presto,
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia!
      Anche io sono un fan del buon Dario :)

      Elimina
  16. Ecco a cosa serviva il bambù. Mangiare queste coppette in un Hammam sarebbe il relax completo, caro Monsieur!
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Francesca!
      Magari il tutto seguito da un bel massaggio...eeeehh sogniamo va...
      Buona serata a te!

      Elimina
  17. Uhmmmm, mi vergogno ad ammettere che:
    1) ho una miriade di errori/orrori nel mio blog e..
    2)....sono una traduttrice!!!!! Ecco, ora mi vergogno ufficialmente :-)))) Ma mi consolo con una coppetta elegante e raffinata di questa crema (al vapore!!!)..io non resisto perchè..non voglio resistere alle dolcezze della vita...ne son già poche, me le godo tutte ;))) Un bisous Monsieur, bonne journée mon cher! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai ragione Yrma! Mai lesinare sulla dolcezza!
      Ciao Leo

      Elimina
  18. Per tutto il primo anno di "blogging" avevo un'amica che si leggeva parola per parola i miei post e...mi mandava sms quando trovava errori di ortografia. Poi ha cambiato lavoro e non ha più avuto tempo. Ma lei mi manca proprio per questo motivo. A me più che gli errori di...stompa nei miei post danno molto fastidio le mancanze di qualche dettaglio nei procedimenti. Io ci tengo ad essere molto analitica per cui quando rileggo vecchi post trovo sempre qualcosa che manca. Quanto alle tue coppe...l'Ecole è sempre l'Ecole (e io sapessi quanto ci terrei a frequentarla !)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi ci vorrebbe un correttore di bozze fisso! :)
      l'Ecole è l'Ecole, però forse Casta Alimenti di Brescia è più accessibile. Chissà, magari ci faccio un pensierino...
      Buona Lunedì! Leo

      Elimina
  19. Davvero interessante il tuo blog! Molto belle queste coppette di crema e interessante la cottura e tutti i consigli...
    Da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu!
    Flora

    RispondiElimina
  20. in questo momento... non so cosa farei per una bella coppetta del genere :) davvero iper golosa! complimenti

    RispondiElimina
  21. Ciao Leonardo, siamo in sintonia...
    Primo perchè io per pubblicare un post ci metto un'eternità: conoscendo il mio difetto lo leggo e lo rileggo svariate volte, ma puntualmente, subito dopo averlo pubblicato becco ancora uno o più errori... Che nervoso!
    Il secondo motivo è perchè siamo in "sincrodolcealcucchiaioalcioccolato".
    Buonissima la tua crema!
    Ciao!

    RispondiElimina
  22. Te lo meriti alla grande il tiepido hammam di cioccolato perché, anche se a te sembrerà di fare errori e imperfezioni, a me i tuoi post sembrano sempre stra carini! Al di là della perfezione scientifico culinaria delle ricette!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!! Quanto sei benevola Zucchy :)
      Ciao Leo

      Elimina
  23. Ciao! mi piace molto questa ricetta complimenti per la spiegazione, molto chiara e falice da seguire, ma anche simpatica. Complimenti anche per le foto che le trovo molto artistiche e piacevoli!:) un salutone!

    RispondiElimina
  24. Ciaooo, che bontà. Da provare al vapore!! Mi incuriosisce molto. Io sono una che scrive di getto e poi rilegge per sistemare tutto. Prima la sostanza poi la forma!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le provi, poi sappimi dire Gioia!
      Ciao Leo

      Elimina
  25. Interessante la cottura a vapore, Leo. Sei sempre una garanzia. Professionale, elegante, impeccabile...che saranno mai due errorini di battitura! :)
    Un caro abbraccio e buon inizio di settimana
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le creme secondo me funziona alla grande questo tipo di cottura.
      Buona settimana anche a te! Leo

      Elimina
  26. Ottimo adoro il cioccolato e non è nemmeno tanto dolce, c'è un neo sono un pò intollerante all'uovo in particolare al tuorlo ma una coppetta piccola me la faccio :^_____^ ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo si possa fare anche col cioccolato edulcorato senza zucchero...Da provare :)

      Ciao Leo

      Elimina
  27. Molto golose queste coppette, bravissimo!!!!

    RispondiElimina
  28. Ciao! Sono approdata in questo blog magnifico. Molto piacere! Questa e' una ricetta davvero fantastica e le foto sono molto belle. Complimenti! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annalisa!
      che complimentone :) Benvenuta! Appena riesco contraccambio la visita. Ciao Leo

      Elimina
  29. Quanta bellezza in un post ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici? Tutto merito dei bagni di vapore ahaha

      Elimina
  30. Ciao, piacere di conoscerti! In effetti dalle dosi pare anche a me che siano più da 3-4 porzioni che da 8. E poi un budino così non può proprio essere mangiato in porzione lillipuziana...qui ne serve una bella coppa ;-)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe