12 luglio 2013

Lavoro che va, lavoro che viene. Ghiaccioli rosa al pompelmo e more

Ghiaccioli rosa al pompelmo e more @monsieurtatin.blogspot.it

Leggendo in questi giorni i blog che seguo, mi sembra di percepire una certa frenesia nell'aria, un profumo di cambiamento (che scaramanticamente speriamo non si tramuti in puzza), si tratti solo anche di mettersi in costume ed infradito per prepararsi alle vacanze.
Bhè, io non sono da meno, con un vecchio lavoro lasciato alle spalle proprio oggi ed una nuova avventura da cominciare.
Mi aspetterà un intenso periodo di addestramento, studio, trasferte per il mondo e conoscenza di tante persone nuove.
Ma vi prometto che cercherò di non far soffrire troppo questo blog, perchè anche questa è una avventura appena iniziata che non mi va di trascurare.
E soprattutto perchè c'è sempre posto per un dolcino veloce da condividere, fosse anche uno di questi ghiacciolini da assaporare nelle bollenti serate di agosto, quando, tutto incravattato ed accaldato, cercherò refrigerio e consolazione al mio consueto, ma bonario: "Chi me l'ha fatto fare?"

 

Ghiaccioli rosa al pompelmo e more

Per 6 ghiaccioli da 100ml
400ml di spremuta fresca di pompelmo filtrata
100ml di sciroppo
10g di glucosio o miele di acacia
125g di more di rovo
2 cucchiai di acqua di rose (facoltativa)
Per lo sciroppo di zucchero
45g di zucchero
100ml di acqua
Procedimento
Per prima cosa preparate lo sciroppo, mettendo zucchero ed acqua in un pentolino e scaldando a fuoco basso per 8-10 minuti finchè tutto lo zucchero sarò sciolto. Dopodichè, alzate la fiamma  e portate ad ebollizione. Fate sobbollire a fuoco medio per 3-4 minuti. A questo punto lo zucchero dovrebbe aver raggiungo il grado di zucchero al filo o di 106°C (se avete un termometro controllate, altrimenti fidatevi). Spegnete il fuoco, scioglietevi i 10g di glucosio e fate raffreddare.
Nel frattempo spremete i pompelmi fino a raggiungere il quantitativo indicato, filtratene il succo ed aggiungete lo sciroppo di zucchero.
Prendete i contenitori per ghiacciolo, inseritevi 5 o 6 more, e versate infine il liquido. Per inserire gli stecchi, coprite ogni contenitore con dell'alluminio alimentare e praticate un piccolo taglietto sulla superficie, in cui iserirete lo stecco: questo dovrebbe aiutarlo a rimanere verticale nel contenitore. In alternativa potete inserirlo quando il composto comincia a rassodare, dopo un oretta circa dalla surgelazione. Congelate per almeno 4 ore, o meglio una notte.

Ghiacciolo rosa al pompelmo e more

Il Sig. Tatin consiglia:
Se volete dei ghiaccioli ancora più salutari e a basso indice glicemico, omettete il glucosio e preparate lo sciroppo utilizzando il fruttosio anzichè lo zucchero semolato.
Come contenitore per il ghiacciolo potete utilizzare anche dei bicchieri di plastica o degli stampini da babà o delle piccole tazzine...insomma tutto ciò che vi venga in mente purchè sia possibile metterlo nel freezer.
Per gli stecchi, oltre a quelli classici come quelli usati da me, potete pensare a stecche di cannella o di liquerizia, o anche delle palettine in plastica da gelato.
Se inserite il liquido in una gelatiera, potete ottenere un ottima granita da guarnire con delle more fresche.
Se non avete la gelatiera, congelatelo nel contenitore dei cubetti di ghiaccio e poi date una frullata veloce in un robot con lame.
Ghiaccioli rosa al pompelmo e more @monsieurtatin.blogspot.itGhiaccioli rosa al pompelmo e more @monsieurtatin.blogspot.it

25 commenti:

  1. Ma sono bellissimi, Leonardo! Hanno un aspetto davvero invitante. Golosissimi!
    Un in bocca al lupo per il nuovo percorso intrapreso!
    Un abbraccio e a presto
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo!
      E grazie per i complimenti.

      Elimina
  2. ti giuro di aver avvertito qualcosa che non andava (non ti sentivo più presente su instagram)....non ci lasciareeeee!!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in realtà va tutto alla grande! E per fortuna ho tante ricette e tante foto in archivio per voi...
      Non vi libererete tanto facilmente di me! Muahahahahah

      Elimina
  3. Leonardo, augurissimi per la tua nuova avventura lavorativa ! Io in passato temevo i cambiamenti ora mi elettrizzano. Il già noto mi stimola poco, talora mi annoia, spegne l'entusiasmo. Son contenta per te , davvero ! Mi ispirano i tuoi ghiaccioli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Provali i ghiaccioli. Sono super rinfrescanti.

      Elimina
  4. In bocca al lupo, Leonardo!
    se poi una di queste sere passo da te a rinfrescarmi anch'io con un ghiacciolino...
    bacio. Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo e accomodati pure!
      Il freezer è pieno! :)

      Elimina
  5. Leonardo un grosso ....evvvaaaiiiiii alla nuova avventura auguroni te lo dice una vecchietta ^__^
    Per il ghiacciolo grazie infatti combatto con la glicemia genetica porca miseria m anche il fruttosio non va bene devo sostituire con quello di agave oppure lo stevia. Pazienza ma un pò di glicemia la metterò senz'altro....
    Buona fine settimana amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige!
      Con la stevia credo non vengano, con lo sciroppo di agave sicuramente sì.
      Ciao Leo

      Elimina
  6. Leo, ti faccio un in bocca a lupo immenso.
    Hai girato una pagina della tua vita e ti appresti a cominciare un percorso che spero possa essere stimolante.Non so io ti vedo un creativo anche nella realtà al di fuori dal tuo blog. E pieno di energie e idee per il nuovo incarico.
    Che tu possa trascurare questo luogo poi credo sia impossibile.Lo ami troppo.
    Ah ghiaccioli. vado subito a prenderne uno nel mio frigo.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marie' se tieni i ghiaccioli in frigo si sciolgono! :)

      Scherzi a parte, faccio e farò un lavoro che mi piace, ma che è molto poco creativo (ma forse un pochino scientifico).
      E hai ragione quando dici che non trascurerò questo luogo. Non sai quanto mi faccia piacere che tu te ne sia accorta.
      Abbracci!

      Elimina
    2. MMMHHH, un pochino scientifico. Che misterioso che sei Leo.
      Come si fa a non accorgersene, della cura e della passione che ci metti nella tua casa?
      A B B R A C C I

      Elimina
  7. Bravo Leonardo!! E in bocca al lupo per la tua nuova avventura..... ;)

    RispondiElimina
  8. Adoro i ghiaccioli fatti in casa!! Non hanno niente a che vedere con quelli industriali! E buona fortuna per la tua nuova avventura allora! ;)

    RispondiElimina
  9. Questi piacerannon un sacco ai miei bimbi!
    fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se li provi, fammi saper se sono piaciuti!
      Ciao Leo

      Elimina
  10. Ma uffa! Dove hai intenzione di andare? Adesso che mi hai incuriosita, chi dorme stanotte? Per ora mi accontenterò di salvare la ricetta dei ghiaccioli perché dopo l'avventura del gelato questi ci stanno divinamente. In bocca al lupo carissimo Leonardo!
    lucia

    RispondiElimina
  11. Perfetti questi ghiaccioli! :-)

    RispondiElimina
  12. Monsieur Leo sono felicissima per te... Di questi tempi c'è gente che pur di rincorrere un cambiamento per frenesia scappa e va lontano a cercare una nuovo "se stesso". Non abbandonare questo blog che vengo lì ovunque ti trovi... (ti prego non troppo lonatno che io e le trasferte oceaniche non andiamo molto d'accordo), ma non abbandonare mai nemmeno la voglia di crescere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Non scapperò stai certa. Come vedi il blog piano piano va avanti, anche se un po' a rilento...ma a causa del caldo estivo che inibisce le mie sfornate.
      A presto!

      Elimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe