7 maggio 2013

Di presentazioni e rappresentazioni: Tatin di ananas, cardamomo ezenzero

È sempre difficile cominciare a scrivere di fronte ad un foglio bianco, soprattutto quando lo spazio da riempire di parole è il primo post del tuo primo blog. Il cursore lampeggia da circa dieci minuti, mentre io cerco di trovare un incipit interessante. 
Poi mi si insinua in testa la vocina di mammà e le sue regole di buona educazione: ma come, Leonardo, non ricordi?! Quando si ha a che fare con degli sconosciuti, prima di tutto ci si presenta!
Ecco, il mio nome adesso lo sapete (ehm...grazie mamma...); per il resto, vi basti che sono un giovane uomo milanese (dopo i 30 no! Non ci si può più chiamare ragazzi), dalle origini frammiste, amante della buona cucina e di tutto ciò che è anche solo vagamente dolce (la mia "tartaruga-al -contrario", che nutro amorevolmente, lo può testimoniare) . 
Non sono un fotografo, non sono un cuoco, non sono un mastro pasticcere. Semplicemente, stare in cucina è il passatempo preferito che voglio condividere con voi.
Questo sarà soprattutto un blog di pasticceria, senza escludere qualche incursione salata, e parlerà di me attraverso i miei dolci e le ricette che propongo.
E visto il nome che mi sono dato, penso sia proprio il caso di cominciare con il dolce che più mi rappresenta: una tarte Tatin. Ovviamente a modo mio!  


Tarte Tatin di ananas, cardamomo e zenzero

Per la pasta brisèe neutra*:
333g di farina 00
166g di burro freddo
75g di acqua fredda
20g di tuorlo (di solito 1 da un uovo medio)
6g di zucchero semolato
3g di sale
*con queste dosi solitamente ottengo 3 panetti di pasta da 200g. Per uno stampo da tatin di 20cm, ne è sufficiente uno
Per la copertura rovesciata di frutta e caramello:
1 ananas fresco
130g di zucchero semolato
4 cucchiai di acqua
5 bacche di cardamomo mancinate
35g di burro
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
1 manciata di pepe rosa (facoltativo) 
Procedimento:
Preparate anzitutto l'impasto della brisèe. Sciogliete  il sale e lo zuccchero con i 75g di acqua fredda e aggiungete il tuorlo d'uovo, miscelando bene. Sabbiate la farina con il burro e versate poco a poco la parte liquida nell'impasto. Lavorate velocemente finchè l'impasto non sarà omogeneo e compatto. Dividetelo in 3 panetti appiattiti, coprite con la pellicola e lasciare riposare almeno un ora, o meglio tutta la notte.
Trascorso il tempo di riposo, prendete un panetto e lavoratelo un po' in modo da renderlo nuovamente plastico, stendetelo in forma circolare fino ad un diametro di poco superiore a quello della vostra teglia e rimettelo in frigo.
Nel frattempo pulite l'ananas e ricavatene 8 fette circolari dell'altezza di circa 1cm (se come me avete uno di questi fantastici aggeggi vi facilitate la vita), asciugatelo molto bene con un panno e tenetelo da parte.
Versate nello stampo da tatin lo zucchero e bagnatelo uniformemente con i 4 cucchiai di acqua, mettete sul fuoco e portate a cottura lo zucchero fino alla formazione di un caramello biondo. Togliete subito dal fuoco e aggiungete il burro freddo per interrompere la cottura. Miscelate bene con un cucchiaio di legno, aggiungete le bacche di cardamomo macinate, ponete in bella posa le fette di ananas ed in ultimo cospargete la frutta con lo zenzero in polvere. Coprite con il disco di brisèe rimboccando bene in bordi, poichè questo tipo di pasta tende a ritirarsi un po' in cottura.
Cuocete in forno caldo a 180°C per circa 40-45 minuti, e comunque finchè la pasta non è bene dorata.
Estraete dal forno e lasciate riposare 10 minuti prima di capovolgere il dolce, facendo attenzione a non scottarsi ed alle eventuali fuoriuscite di caramello.
Se vi piace, prima di servire cospargete con una manciata di pepe rosa (io stavolta non l'avevo): darà un bel tocco cromatico ed un piacevole pizzicore in bocca.

Tarte Tatin di Ananas, Cardamomo e Zenzero

Il Sig. Tatin consiglia
Ricordatevi che il termine tecnico "sabbiare" indica semplicemente di lavorare il burro freddo tagliato a pezzetti insieme alla farina con la punta delle dita, fino ad ottenere un mix simile a sabbia umida. Questo tipo di lavorazione può anche essere fatto comondamente in planetaria (io faccio cosi!), utilizzando l'apposito gancio a foglia o a K e versando poi a filo la parte liquida, mentre la planetaria continua a girare alla minima velocità. Se utilizzate la macchina, vi consiglio di raddoppiare le dosi dell'impasto per ottenere 6 panetti di pasta brisèe, che potrete conservare in congelatore anche per lungo tempo.
Nella preparazione del caramello, ricordatevi che questo non deve assolutamente fumare: il fumo indica che lo zucchero è bruciato, diventando amaro ed inutilizzabile. Se lo avete e vi sentiti più sicuri, potete usare un termometro da cucina e controllare che non superi la temperatura di 170°C. Ricordatevi anche di resistere alla tentazione di mescolare il caramello mentre è in fase di cottura, soprattutto con utensili di metallo. Questi abbassano localmente la temperatura dello zucchero, facendolo ricristallizzare in alcuni punti e rendendolo non omogeneo.
Ed in ultimo, per gli instagram-addicted come me, ho pubblicato tempo fa una versione ridotta di questa ricetta qui

Aggiornamento dell'08/05/2013: Con questo mio primo post, e con il giallo dell'ananas partecipo anche mio primo contest:
Image and video hosting by TinyPic

14 commenti:

  1. Ciao,
    beh un inizio di tutto rispetto, non c'è che dire :)
    Dovresti mettere l'elenco dei lettori fissi, sennò come facciamo a seguirti?
    Un grosso in bocca al lupo per questa avventura appena iniziata. Dovresti partecipare a qualche contest (o a quasi tutti, come faccio io, eheheh), è un uon modo per farsi conoscere, perchè chi partecipa controlla sempre con chi si sta "sfidando" (mica lo farò solo io?)
    Se vuoi puoi partecipare al mio ;)
    a presto
    floriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Floriana,
      sia per i complimenti che per i consigli. In effetti non sono molto alfabetizzato in materia di blog, perciò credo che i miglioramenti arriveranno man mano (anche grazie ai consigli come i tuoi)
      Ho giusto in mente una ricettina giusta giusta per il tuo contest (ma non la rivelerò per non avvantaggiare gli "sfidanti":P). Dammi il tempo di cucinarla, fotografarla e postarla e sicuramente parteciperò!

      Elimina
  2. in bocca al lupo!!! http://www.giuliamaria.it/

    RispondiElimina
  3. ciao Leo, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Ciao Vanna, grazie per essere passata. MI unisco volentieri al tuo!

    RispondiElimina
  5. Benvenuto nel...magico mondo dei foodblog!
    E come inizio direi che è proprio buono...:-)

    RispondiElimina
  6. Bonsoir Monsieur ! Finalmente un uomo (siete pochini pochini) nel mondo delle foodbloggers. Bella presentazione. Io nell'indecisione sul come presentarmi...sono andata avanti mesi solo postando ricette perciò direi che hai iniziato più che bene.

    RispondiElimina
  7. ah...se posso permettermi un suggerimento: togli le odiosissime lettere captcha (son quelle lettere che deve inserire chi vuole lasciarti un commento). Si leggono male per cui c'è chi desiste e passa oltre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      grazie per i commenti e i suggerimenti!

      Elimina
  8. Mmmmm, W lw tarte tatin di tutti i tipi, dolci e salate, questa deve essere supegolosissima! Adoro il cardamomo e la proverò presto. :)

    RispondiElimina
  9. Bellla !!! caramellosa e fruttosa!!! Davvero stupenda .. me la papperei tutta :)

    Ci uniamo ai tuoi lettori ( facendoti un imbocca al lupo sonoro !! ).. se ti va passa a trovarci :)
    Baci ..

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. ho trovato in questo blog un nido di ricette bellissime e molto particolari: mi piace :D
    mi sono aggiunte ai tuoi seguaci.. spero verrai a trovarmi se ti va :)
    a presto, e ancora complimenti per i piatti e gli abbinamenti ricercati!
    ciao ciao
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia!
      Appena riesco passo a trovarti!
      Ciao Leo

      Elimina

Grazie per essere passato di qui. Se ti piacciono le mie ricette e se ti va, seguimi! In questo blog i commenti sono moderati, pertanto ti risponderò non appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Le ricette e i pasticci del fratello perduto delle sorelle d'oltralpe